La lettera aperta è uno strumento usato dai gruppi della carità.
Contiene un brano biblico con lectio, meditazione, approfondimento e traccia per la preghiera.

Per un download immediato del file pdf per stamparlo in formato fascicolo A5
clicca qui.

Qui di fianco trovate l'archivio delle lettere degli anni passati.

Su richiesta è disponibile anche l'
audio della lectio.

Di alcune lettere è disponibile anche un piccolo video (segnalato nelle presentazioni).

copmar18
Colui che serve

Gesù… è venuto al mondo per servirci,
per farsi schiavo per noi, per dare la vita per noi.
Per amare fino alla fine».
Perché Gesù ama così: «fino alla fine»…
e ci ama così come siamo.

(Papa Francesco)

Si può veramente «regnare» soltanto «servendo»,
in pari tempo il «servire» esige una tale maturità spirituale
che bisogna proprio definirlo un «regnare».

(Giovanni Paolo II)

Lettera aperta marzo 2018 - Colui che serve (file di lettura)

copGen18
Come bambini

Occorre che il grande
si riconosca e si faccia piccolo
perché ogni piccolo
possa diventare grande


Lettera aperta gennaio 2018 - Come bambini (file di lettura)

copnov2017
Quando pregate...

Dio conosce meglio di noi stessi le nostre necessità,
ma vuole che gliele presentiamo con audacia e con insistenza,
perché questo è il nostro modo di partecipare alla sua opera di salvezza.
La preghiera è il primo e principale “strumento di lavoro” nelle nostre mani!
Insistere con Dio non serve a convincerlo,
ma a irrobustire la nostra fede e la nostra pazienza,
cioè la nostra capacità di lottare insieme a Dio
per le cose davvero importanti e necessarie.
Nella preghiera siamo in due: Dio e io
a lottare insieme per le cose importanti.

(Papa Francesco)

Lettera aperta novembre 2017 - Quando pregate... (file di lettura)

copOtt2017
A voi che ascoltate, io dico...

“Siate realisti, domandate l’impossibile
Mi sono sentito all’improvviso un bisogno d’impossibile.
Le cose così come sono non mi sembrano soddisfacenti.
Questo mondo così come è fatto non è sopportabile.
Ho bisogno della felicità, dell’immortalità,
insomma di qualche cosa che sia forse insensato,
ma che non sia di questo mondo”.

(A Camus, Caligola)

Lettera aperta ottobre 2017 - A voi che ascoltate, io dico... (file di lettura)